Servizio offerto da Google Translate

La redazione italiana di www.cresceresani.it non risponde per eventuali errori di traduzione derivanti dall'uso di Google Translate.
Registrati Contattaci Seguici anche su: Facebook YouTube YouTube

suggerimenti per la ricerca 
Per fare in modo che la vostra ricerca all’interno del nostro sito sia più fruttuosa si consiglia di cercare singole parole (ad esempio "centile", "crescita", o il cognome di un nostro esperto tipo "Sartorio", ecc.) o al massimo parole doppie (ad esempio "età ossea", "bassa statura", ecc.).
La ricerca di frasi più complesse come ad esempio "Età ossea anticipata" o "A quale stadio di Tanner compare il menarca" non danno alcun risultato pur essendo gli argomenti contenuti nel sito. In questi casi, per avere una risposta ad un quesito specifico e dettagliato è necessario scrivere la domanda per intero nella sezione "L’esperto risponde", che si trova nella colonna laterale sinistra della homepage del sito.
ULTIME NEWS
TUTTE LE RISPOSTE
Domanda
Mia figlia (adottata alla nascita, nata prematura con agenesia renale) è sempre stata minuta. Ora ha 11 anni, è alta 140 cm. In 3 mesi ha avuto un'accelerazione nello sviluppo puberale. Cosa fare per la sua crescita? (Mimmi, Varese)
Risposta
La crescita staturo-ponderale di una bambina dipende da molti fattori, non solo quelli ormonali e/o legati all'alimentazione che da quanto mi scrive paiono essere nella norma. Nel caso della sua bambina, il fattore ereditario legato alla statura dei due genitori (che mi pare non conosciamo con precisione), la razza (è italiana o viene da un altro Paese?) e la malattia renale congenita (non mi è chiaro il grado di funzionalità renale attuale) possono rappresentare altri fattori estremamente importanti nel condizionare la crescita di sua figlia. In linea generale, Le consiglio comunque di far visitare la bambina presso un buon Centro che si occupa di crescita per eventuali ulteriori approfondimenti, anche perchè mi sembra di capire che lo sviluppo puberale è già iniziato. Se ha già eseguito degli esami, si ricordi di portarli in visione per evitare di ripetere esami superflui.
Esperto
Prof. Alessandro Sartorio