Servizio offerto da Google Translate

La redazione italiana di www.cresceresani.it non risponde per eventuali errori di traduzione derivanti dall'uso di Google Translate.
Registrati Contattaci Seguici anche su: Facebook YouTube YouTube

suggerimenti per la ricerca 
Per fare in modo che la vostra ricerca all’interno del nostro sito sia più fruttuosa si consiglia di cercare singole parole (ad esempio "centile", "crescita", o il cognome di un nostro esperto tipo "Sartorio", ecc.) o al massimo parole doppie (ad esempio "età ossea", "bassa statura", ecc.).
La ricerca di frasi più complesse come ad esempio "Età ossea anticipata" o "A quale stadio di Tanner compare il menarca" non danno alcun risultato pur essendo gli argomenti contenuti nel sito. In questi casi, per avere una risposta ad un quesito specifico e dettagliato è necessario scrivere la domanda per intero nella sezione "L’esperto risponde", che si trova nella colonna laterale sinistra della homepage del sito.
ULTIME NEWS
TUTTE LE RISPOSTE
Domanda
Mia figlia (15 anni) ha un seno molto piccolo e si sente a disagio con le amiche. Non vorrei se ne creasse un problema. Cosa posso fare? (B., Bollate)
Risposta
Il corpo per tutti gli esseri umani è un importante "ponte" nella relazione con gli altri. Le trasformazioni e i cambiamenti a livello corporeo mettono sempre in crisi quella che è la propria immagine corporea, ovvero il modo in cui la persona considera e sperimenta il proprio corpo sia a livello cognitivo che emotivo. L'adolescenza è una fase di rielaborazione corporea, sociale e personale della propria identità. É normale, anzi auspicabile, che il corpo diventi quindi oggetto di riflessione e rielaborazione. Sua figlia, come tutti gli adolescenti, sperimenta sulla propria pelle che il corpo non è perfetto. Mi sembra importante sottolineare e aprire un dialogo che porti a riflettere sul fatto che la femminilità non può e non deve passare attraverso dei "dettagli" quali le misure, le taglie, l'altezza... Potrebbe essere utile che lei come mamma si confronti con sua figlia sulla complessità di fattori fisici, emotivi, cognitivi che contribuiscono nella totalità a creare l'identità femminile.
Esperto
Dr.ssa Manuela Genchi