Servizio offerto da Google Translate

La redazione italiana di www.cresceresani.it non risponde per eventuali errori di traduzione derivanti dall'uso di Google Translate.
Registrati Contattaci Seguici anche su: Facebook YouTube YouTube

suggerimenti per la ricerca 
Per fare in modo che la vostra ricerca all’interno del nostro sito sia più fruttuosa si consiglia di cercare singole parole (ad esempio "centile", "crescita", o il cognome di un nostro esperto tipo "Sartorio", ecc.) o al massimo parole doppie (ad esempio "età ossea", "bassa statura", ecc.).
La ricerca di frasi più complesse come ad esempio "Età ossea anticipata" o "A quale stadio di Tanner compare il menarca" non danno alcun risultato pur essendo gli argomenti contenuti nel sito. In questi casi, per avere una risposta ad un quesito specifico e dettagliato è necessario scrivere la domanda per intero nella sezione "L’esperto risponde", che si trova nella colonna laterale sinistra della homepage del sito.
ULTIME NEWS
TUTTE LE RISPOSTE
Domanda
La pediatra ha notato che mia figlia ha avuto un progressivo rallentamento della crescita (48 cm alla nascita, 85.8 cm a 2.3 anni, 97.3 cm a 4.1 anni). Io sono alta 150 cm. Quali esami è bene eseguire? (Rosa, Bari)
Risposta
La statura attuale di sua figlia si colloca circa al 25° centile per la sua età e sesso, quindi nel range di normalità. Da quanto mi scrive, la statura a due anni e tre mesi era poco al di sotto del 50° centile, per cui in effetti sembra esserci stato un lieve rallentamento nel corso di questi due ultimi anni (tuttavia con una crescita di 11.5 cm in 22 mesi, comunque ancora normale per l'età ed il sesso). Considerando la statura della mamma (bisognerebbe conoscere anche quella del padre !!), penso che la crescita della bambina stia procedendo secondo il pattern familiare. Con questi dati antropometrici, credo che sia necessario fare al momento solo dei controlli periodici ambulatoriali per valutare la velocità di crescita e, solo nel caso di un ulteriore flessione del centile staturale, provvedere ad eseguire esami di laboratorio e strumentali di approfondimento diagnostico, a discrezione del Curante.
Ultima modifica 16-06-2010
Esperto
Prof. Alessandro Sartorio