Servizio offerto da Google Translate

La redazione italiana di www.cresceresani.it non risponde per eventuali errori di traduzione derivanti dall'uso di Google Translate.
Registrati Contattaci Seguici anche su: Facebook YouTube YouTube

suggerimenti per la ricerca 
Per fare in modo che la vostra ricerca all’interno del nostro sito sia più fruttuosa si consiglia di cercare singole parole (ad esempio "centile", "crescita", o il cognome di un nostro esperto tipo "Sartorio", ecc.) o al massimo parole doppie (ad esempio "età ossea", "bassa statura", ecc.).
La ricerca di frasi più complesse come ad esempio "Età ossea anticipata" o "A quale stadio di Tanner compare il menarca" non danno alcun risultato pur essendo gli argomenti contenuti nel sito. In questi casi, per avere una risposta ad un quesito specifico e dettagliato è necessario scrivere la domanda per intero nella sezione "L’esperto risponde", che si trova nella colonna laterale sinistra della homepage del sito.
ULTIME NEWS
TUTTE LE RISPOSTE
Domanda
I want to know something about the factors that influence the timing of puberty (Anthony H-G, Milan)
Risposta

Within the non-pathological realm, there are many factors that influence the timing of puberty in addition to the fact that girls enter puberty on average 2 years before boys. There is a familial tendency in the timing of puberty, and those in more affluent and privileged societies enter puberty earlier. Well nourished children tend to go into puberty earlier than those who are thinner and this is particularly evident with girls. When underweight is severe, delay is almost inevitable as in anorexia nervosa. Those who undertake extreme competitive training for sports commonly are late in going into puberty , perhaps linked with a reduction in fatness rather than being underweight. Prolonged physical or psycho-emotional stress as in neglect or abuse has a powerful adverse effect on the timing of puberty not necessarily due to undernutrition.

Esperto
Dr. John H.M. Buckler
Domanda
Sono un genitore e vedo spesso i miei figli dipendere dalla televisione. Mi rendo conto che così perdono molto della loro genuinità e spontaneità ma non riesco ad intervenire con efficacia. Mi può dare qualche consiglio? (Andrea, Torino)
Risposta
La televisione è il terminale di un sistema attraverso cui passano modelli di comportamento ispirati soprattutto al consumo, dove si dà vita a stereotipi che diminuiscono il potenziale creativo della persona. Diminuirne l’uso può essere un obiettivo del lavoro educativo di un genitore, capace di creare o ri-creare un ambiente stimolante e interessante e di allargare il campo visivo dei propri figli oltre il rettangolo di uno schermo. Limitarne l’uso richiede che noi dedichiamo più tempo ai figli, stimolando alla lettura non solo di un libro, ma anche del mondo. Riavviare i nostri figli a scoprire la trama che è in tutte le cose, esempio l’osservazione della natura. Non esiste una ricetta, ma ciò esige un diversificare i nostri interessi, risvegliare la nostra attenzione a sua volta assopita da turni di lavoro, code in automobile, problemi economici, etc. Scoprire insieme al figlio come è fatta una cosa, passare del tempo con lui per ritrovare anche noi la passione per il mondo, ri-appassionarci al mondo. Questo potrebbe essere un modo per limitare l’uso della TV, per ridimensionarlo e farlo tornare ad avere il giusto peso nella nostra vita. Non si tratta di fare una campagna proibizionista oppure di accusare la TV di colpe che in effetti sono nostre e che dipendono dal nostro non aver mai tempo. Restituiamo ai nostri figli l’immagine di noi stessi, quella più vera ed autentica ed essi sentiranno sempre meno il bisogno delle immagini fittizie che vedono riflesse sullo schermo.
Esperto
Prof. Lucio Coco
Domanda
Che tipo di sport è più adatto per un bambino che frequenta la scuola elementare? (Anna Maria, Genova)
Risposta
Ogni periodo di crescita del bambino permette lo sviluppo di alcune capacità motorie. E’ fondamentale ricordare che non tutte queste capacità possono essere allenate in eguale misura durante l’età evolutiva, perché si potrebbero provocare danni al bambino, che non possiede ancora una struttura scheletrica completamente formata. Il miglioramento delle capacità coordinative (coordinazione occhio-mano, equilibrio) e della flessibilità deve essere particolarmente curato in questo periodo dello sviluppo, in quanto generalmente queste qualità motorie hanno un limitato margine di miglioramento dopo i 10 anni di età ed ancor meno dopo la pubertà. E’ importante spronare il bambino a fare l’attività fisica che più gli piace, privilegiando il gioco nelle sue varie forme, il nuoto e gli sport di squadra, che sviluppano anche la collaborazione con i compagni. Per contro, sono da evitare gli sport che tendono a sviluppare in modo asimmetrico le masse muscolari.
Domanda
Come differisce la crescita di una ragazza rispetto a quella di un ragazzo durante le fasi puberali? (Luisa P., Firenze)
Risposta
Lo sviluppo fisico delle ragazze precede quello dei ragazzi durante tutto il periodo dell'infanzia, anche se prima della pubertà non ci sono segni nell’aspetto fisico che indicano questo diverso sviluppo (evidente alla radiografia ossea). Alla pubertà questa maggior precocità delle ragazze diventa evidente, in quanto le ragazze iniziano la pubertà, si sviluppano e raggiungono le dimensioni adulte circa due anni prima dei ragazzi. Dal momento che l'aumento nella velocità di crescita è un componente importante della pubertà, il più precoce sviluppo delle ragazze dà luogo anche ad un’accelerazione di crescita più precoce di circa due anni. Ovviamente, c’è un’ampia variabilità nella tempistica della pubertà all'interno della popolazione normale. Dopo un periodo di dimensioni corporee simili fra maschi e femmine durante l’infanzia, dagli 11-13 anni la ragazza media tende ad essere più alta del ragazzo medio per un periodo di circa due anni. Quando la crescita dei ragazzi inizia ad accelerare, i maschi raggiungono in altezza le ragazze. Dal momento che i maschi crescono più a lungo e con un maggior picco di velocità di crescita puberale, l’altezza finale di un maschio adulto sarà mediamente maggiore di circa 12 cm rispetto ad una femmina adulta.
Esperto
Dr.ssa Nicoletta Marazzi
Domanda
Adolescente 14 años (60 kg,1,60 m): hay metodos para saber en cuantos kg esta excedida? Las gaseosas light, puede tomarlas? Debe hacer ejercicio aerobico todos los días 1 h o es mejor incrementar tiempo y esfuerzo y realizarlo? (Gustavo P., Argentina)
Risposta
En base a las tablas de percentilos de la República Argentina, una adolescente de 14 anos alta 160 cm y que pesa 60 kg, se encuentra en el 75° percentilo para su estatura y en el 90° percentilo para su peso, por lo tanto existe solamente un ligero exceso de peso de 5 kg aproximadamente. Para ser más precisos, es necessario considerar la edad exacta de la adolescente (por ej. 14 anos y 6 meses), ya que los meses que exceden a los 14 anos, modifican los cálculos previamente mencionados. Para calcular el exceso de peso existe además otra tabla de percentilos, que correlaciona la edad y el sexo al índice de masa corporal, éste último se calcula con la siguiente fórmula: BMI (body mass index) = peso (kg)/altura (m2). En este caso, el BMI es igual a 23.43 kg/m2 y suponiendo que la edad exacta de esta adolescente sea de 14 anos, la colocaría ligeramente por enzima del 75° percentilo (o sea que para la misma edad hay aproximadamente 25 adolescentes que pesan más y 75 adolescentes que pesan menos). Con respecto a las gaseosas ligth, no contienen prácticamente calorías pero no es aconsejable abusar de ellas,  en especial en la infancia y en la adolescencia por diversos motivos: por el contenido de cafeína, en particular el tipo cola (la cafeína es adictiva, es estimulante del sistema nervioso central, puede causar irritabilidad, insomnio, ansiedad, nerviosismo, taquicardia, puede interferir en la absorci?n de calcio y por efecto diurético puede aumentar la pérdida de minerales, favoreciendo la debilidad del esqueleto y la predisposición a fracturas, por el contenido de ácido fosfórico, que debilitaría los huesos al contribuir en la pérdida de calcio, aumentarían el riesgo de osteoporosis porque los productos lácteos tienden a ser substituidos con bebidas gaseosas y como consecuencia, hay menos calcio disponible porque el consumo exagerado de aspartame (edulcorante frequentemente utilizado en las bebidas ligth) puede provocar diarrea.Con respecto a la actividad física, se aconseja actividad física de tipo aeróbico, practicada con regularidad. Son suficientes 30-45 minutos de actividad física aeróbica, practicados tres veces por semana. La intensidad debería ser calculada individualmente (consumo de alrededor  de 250 kcal por sesi?n) que consentirían de obtener un catabolismo del tejido adiposo, preservando la masa muscular.
Esperto
Dr.ssa Monica Resnik (para personas che hablan espanol)
Domanda
Un bambino obeso sarà un adulto obeso? Che probabilità ci sono? (Maria R., Bari)
Risposta
Il legame tra obesità infantile ed adulta è molto forte.Nel 25-50% dei casi un bambino obeso si mantiene obeso anche da adulto, con tutte le conseguenze di morbilità e mortalità associate. Studi recenti hanno dimostrato che il rischio di obesità da adulti è da 2 a 11 volte più alto nei bambini obesi rispetto ai coetanei non obesi. Valutando in senso retrospettivo il legame obesità adulta-infantile, circa il 10-20% degli adulti obesi ha un “passato” di obesità nell’età infantile.Un bambino obeso con genitori obesi ha un rischio più elevato di mantenere l’obesità nell’età adulta rispetto al figlio obeso di genitori normopeso. Ovviamente la familiarità influisce, oltre che in senso genetico, anche in senso ambientale. Un bambino, figlio di genitori con abitudini alimentari errate e fisicamente poco attivi, avrà più probabilità di sviluppare abitudini alimentari ugualmente errate e scarsa propensione allo sport.Importante è anche l’età di insorgenza dell’obesità: tanto più è precoce (ad esempio prima dei 6 anni), tanto più elevata è la possibilità di rimanere un adulto obeso.La prevenzione dell’eccesso ponderale nell’età pediatrica è pertanto molto utile per arginare il fenomeno dell’obesità in età adulta.
Esperto
Prof. Alessandro Sartorio
<< inizio   < indietro

Visti: 206. Totali: 206 - pagine: 25